Mi inchino davanti all'Assoluto non-duale onnipervadente, il supremo Shiva-Shakti, che nel suo stato di assenza di desiderio e perfezione, prima di tutto si illumina come puro "Io sono"(Abhinavagupta)